5 Ottobre 2016

La strada verso Roma di Péter Paczolay

È il 15 luglio 2015 e tramite la consegna della Lettera di credenziali nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella si ufficializza la nomina del nuovo ambasciatore della Repubblica d’Ungheria in Italia, S.E. prof. Péter Paczolay.

La strada verso Roma del nuovo ambasciatore non è lineare come molte altre carriere in ambito diplomatico, ma parte dalla Corte Costituzionale Ungherese, organo di cui è stato presidente fino a febbraio 2016, ma per capire il suo percorso occorre andare indietro nel tempo.

Il prof. Paczolay conosce molto bene l’Italia, e nei suoi anni da accademico ricoprì ruoli di dirigente o vice-preside a Budapest e Szeged, così come il ruolo di docente per la cattedra di Scienze Politiche all’università ELTE di Budapest in qualità di maggiore esperto ungherese vivente di Machiavelli, chiamato dall’ex professore e amico Mihály Bihari. Non fu solo la sua conoscenza della dottrina a permettergli di fare il grande salto, contribuì anche la sua passione per lo studio del diritto costituzionale comparato e del diritto pubblico dei paesi europei, grazie al quale venne scelto nel ’90 da László Sólyom, primo presidente della Corte Costituzionale, prima come consigliere e successivamente come segretario generale.

Dal 2000 viene nominato vice-direttore dell’Ufficio del Presidente Ferenc Mádl, ed i suoi studi sul diritto di veto costituzionale presidenziale porteranno all’utilizzo frequente di questo strumento, del quale subirono gli effetti sia il primo esecutivo Orbán sia i governi socialisti Medgyessy e Gyurcsány.

Con l’elezione di Sólyom a Presidente nel 2005, Paczolay stette al suo fianco fino a che nel 2006 venne messa all’ordine del giorno la sostituzione di un giudice della Corte Costituzionale, ed il professore ottenne il posto rendendolo il terzo caso in assoluto di giudice della Corte Costituzionale eletto per consenso. Dopo due anni di attività ottiene la presidenza dell’organo custode della costituzione, e commenta così la sua elezione:

“Io sono stato presidente di due Corti Costituzionali distinte: la prima volta quando sono stato votato dai miei colleghi, la seconda volta dal parlamento. Un’esperienza bella e rara e molti mi invidiano per questo”.

Risale a febbraio il suo addio ufficiale alla toga di fronte all’Accademia Ungherese delle Scienze, ma la sua carriera istituzionale continua a Roma nel ruolo di capo missione diplomatica all’estero, e chissà che questo non possa essere un nuovo punto d’inizio di una carriera già degna d’esser vissuta.

Gli studenti e chiunque fosse interessato a conoscere S.E. prof. Péter Paczolay sono invitati il 20 ottobre alle 11:00, nella giornata d’apertura della settima edizione del Festival della Diplomazia presso la facoltà di Economia dell’Università degli studi di Roma “Tor Vergata”. Ad introdurre l’incontro sarà il Prof. Gustavo Piga, Direttore B.A. in Global Governance.

Ultimi Post

CONTATTI

Diplomacy
Festival della Diplomazia
© 2015 Comitato Festival della Diplomazia. All right reserved

Comitato Promotore Festival della Diplomazia
Via Carlo Botta, 17
00184 Roma
P.IVA: 11151201008
C.F.: 97617660580

T +39 06 77073160
F +39 06 77073168