Mediazione Culturale come Strumento di Pace

19

Ott 2017

9:30 am –

Sala Pietro da Cortona

Piazza del Campidoglio, 1
00186Roma

La Cultura come Strumento per Abbattere i Muri

L’evento si terrà in: Italiano
Condividi l’evento
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Mediazione Culturale come Strumento di Pace

La mediazione culturale è un poderoso strumento, in grado di favorire la pace, orientando culture diverse su una strada comune.

Se la sua importanza è oggi largamente riconosciuta, è anche grazie al lavoro di artisti come Michelangelo Pistoletto. Durante la sua lunga carriera artistica il maestro ha mostrato grande interesse verso questo tema. Nel 2002, all’interno del complesso di Città dell’arte, è stato inaugurato Love the difference-movimento artistico per una politica intermediterranea, con lo scopo di raccogliere, tra i paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo, personaggi ed istituzioni che siano interessate a creare prospettive nuove, oltre i confini culturali.

Come l’artista ha sottolineato nel suo manifesto:Non si può lasciare alle pure ragioni della speculazione economica la guida della politica mondiale. Un nuovo pensiero deve ispirarla… I sistemi politici, tradizionalmente intesi, mostrano ormai insufficienti capacità nell’affrontare e risolvere i grandi problemi insiti nella trasformazione culturale in corso che coinvolge la società mondiale e lo stato fisico del pianeta. Adesso il mondo occidentale parla finalmente di arte e di creatività come possibile risorsa da sfruttare per ristabilire il controllo sulle cose”.

Anche recentemente, il maestro Pistoletto ha dato prova del profondo e personale credo nell’importanza della mediazione culturale, per scrivere un futuro veramente diverso rispetto al passato. Nel 2015, dopo un periodo di permanenza a Cuba, egli ha deciso di allestire all’interno del Museo Nazionale di Belle Arti di La Havana, un percorso che offrisse un’ampia panoramica della propria carriera artistica. Inaugurando qui la nuova Walking Sculpture, questa è stata portata in giro per le strade di La Havana, perché, come ha affermato Il Maestro: “Rappresenta una speranza e un’opportunità [..] Se si lancia una sfera tra le persone, reagiranno alla sfera e inizieranno a giocare con essa, cercando di spingerla verso un obiettivo, cogliendo l’occasione. In questo caso, la palla è anche una grande metafora degli incontri della vita e delle interazioni.

 

Condividi l’evento
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail
Luca Bergamo

Vice Sindaco di Roma Capitale

Juan Mesa Zuleta

Ambasciatore della Colombia in Italia

Maria Rosa Jijon

Responsabile Culturale Istituto Italo Latino Americano

Vincenzo De Luca

Direttore Generale per la promozione del Sistema Paese, MAECI

Giorgio Bartolomucci

Segretario Generale Festival della Diplomazia

CONTATTI

Diplomacy
Festival della Diplomazia
© 2015 Comitato Festival della Diplomazia. All right reserved

Comitato Promotore Festival della Diplomazia
Via Carlo Botta, 17
00184 Roma
P.IVA: 11151201008
C.F.: 97617660580

T +39 06 77073160
F +39 06 77073168